Condividi

carabinieriREGGIO CALABRIA – Nelle prime ore di oggi 03 novembre 2016 in questa provincia ed in quelle di Roma, Milano, Vibo Valentia, Pavia, Varese, Como, Monza-Brianza e Cagliari, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, nei confronti di 41 indagati appartenenti, a vario titolo, alla ‘ndrangheta nella sua articolazione territoriale denominata Locale di Laureana di Borrello – formata dalle famiglie Ferrentino-ChindamoeLamari operante nel comune di Laureana di Borrello e comuni limitrofi con ramificazioni in tutta la provincia reggina ed in altre province, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, porto e detenzione di armi da guerra e comuni da sparo, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope, estorsione, danneggiamenti, lesioni personali gravi, frode sportiva, intestazione fittizia di beni e incendio, con l’aggravante del metodo mafioso.

Le complesse attività d’indagine, avviate dalla Compagnia di Gioia Tauro (RC) sin dal giugno 2014 e che si sono avvalse anche delle propalazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia, hanno consentito di:

  • delineare gli assetti dell’organizzazione criminale nonché di acclarare l’appartenenza degli indagati, anche con ruoli di vertice, alle cosche FERRENTINO-CHINDAMOeLAMARI” quali articolazioni autonome dell’associazione per delinquere di tipo ‘ndranghetistico nota come Locale di Laureana di Borrello, operante nel territorio nel comune di Laureana di Borrello e comuni limitrofi con ramificazioni in tutta la provincia ed in altre province del Nord Italia;
  • ricostruire l’attività della cosca che, avvalendosi della forza di intimidazione derivante dal vincolo associativo, era finalizzata al controllo ed allo sfruttamento delle risorse economiche della zona mediante il compimento di una serie indeterminata di delitti in materia di armi, contro il patrimonio, la vita e l’incolumità individuale, in materia di commercio di sostanze stupefacenti;
  • documentare i condizionamenti, da parte della Locale di ‘ndrangheta, dell’ordinario andamento delle istituzioni comunali, attraverso una chiara ingerenza su alcuni componenti dell’amministrazione del comune pre-aspromontano per l’aggiudicazione di appalti pubblici in favore delle aziende mafiose di riferimento della Cosca;
  • provare la plurima intestazione fittizia di numerose attività commerciali, tra le quali spiccano ben 02 imprese edili ed una società, attiva nel Porto di Gioia Tauro, di import/export e di alcuni immobili in Lombardia;
  • accertare l’infiltrazione della famiglia LAMARI nella gestione della “Polisportiva Laureanese” inserita nel Campionato di Promozione, girone “B”, con episodi di “combine” dei risultati di almeno due incontri di calcio.

Tra i fermati figura anche l’assessore al “verde pubblico, agricoltura, manutenzione, tradizione, servizio idrico, servizi demografici, viabilità, fiera ed artigianato” del Comune di Laureana di Borrello indagato per concorso esterno in associazione mafiosa perché – pur non facendo parte stabilmente della Locale in argomento – forniva un concreto, specifico, consapevole e volontario contributo alla ‘ndrina CHINDAMO-FERRENTINO, come referente politico del sodalizio.

Nel medesimo contesto, sono stati sottoposti a sequestro preventivo 10 tra beni immobili e attività imprenditoriali ubicati in Laureana di Borrello (RC), Vibo Valentia, Voghera (PV) e Bregnano (CO) e riconducibili ad alcuni degli indagati per un valore stimato di oltre 30 milioni di euro (04 imprese di costruzione, 01 impresa di import/export, 01 azienda agricola, 01 squadra di calcio, 01 edicola, 01 supermercato, 01 abitazione).

L’attività ha permesso nel tempo di procedere già all’arresto di 5 persone, al sequestro di oltre un 2 kg. di sostanza stupefacente del tipo marijuana ed al rinvenimento di 03 pistole, 01 fucile, centinaia di munizioni di vario calibro e quasi 02 kg. di polvere da sparo.



OPERAZIONE LEX. 41 indagati delle cosche Ferrentino-Chindamo e Lamari del “locale” Laureana di Borrello. Arrestato assessore comunale ultima modifica: 2016-11-03T09:51:23+00:00 da Redazione Yeslive
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
METEO. Rossano Calabro, allerta meteo: temporali, grandinate e raffiche di vento
INFORMAZIONE. Nasce Cronache delle Calabrie, quotidiano d'informazione destruttu...
ARCHEOLOGIA. L'ipotesi dello studioso Mario Paturzo sul ritrovamento di Piazza G...
TRADIZIONI. L'antica storia della festa di Halloween
OGGI NEL TEMPO. Catania colpita da un forte nubifragio: 2 morti e numerosi ferit...
CRONACA. Operazione focus ‘ndrangheta congiunta: Polizia, Carabinieri e Guardia ...
SANITA'. Tripodi (Pci) su inaugurazione nuovi reparti Riuniti: "Grande e st...
OGGI NEL TEMPO. La Intel mette sul mercato il primo microprocessore, il "40...
MALTRATTAMENTI SU MINORI. Il sindaco Giuseppe Falcomatà: «Tolleranza zero per ch...
MALTEMPO. Terminata l'intensa attività dei Vigili del Fuoco sul versante ionico ...
SANITA'. Cardiochirurgia, Laganà (AN): “E’ proprio vero.. non c’e’ peggior sordo...
EVENTI. Grande successo per i mercatini di Natale organizzati dai commercianti r...
SPETTACOLI. “Un altro metro ancora” torna sabato 21 gennaio a SpazioTeatro
AFORISMI FILOSOFICI. Il successo per Madre Teresa di Calcutta
OGGI NEL TEMPO. Muore in Svizzera, il grande musicista e cantautore, Lucio Dalla
ORA LEGALE. Lancette in avanti di un ora nella notte tra sabato 25 e domenica 26...
GIOVANI IMPRENDITORI. Samuele Furfaro eletto nel Consiglio centrale nazionale
EDUCAZIONE STRADALE. Lungomare Falcomatà: forte attesa per la due giorni di mani...
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

 

 

 

 

 

 

direttore Emilia Condarelli
editore Cult3.0
registrazione Tribunale RC N°8/2013

MultiIce

All News