Translate
ArabicEnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish




DAY BY DAY
febbraio: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728  
Cosmoplant




alluvione_crotoneSei, tanti furono i morti della violenta alluvione subita il 14 ottobre 1996 dalla città di Crotone, di cui oggi ricorre il ventennale.

A provocare il funesto evento fu una piena del torrente Esaro che esondò inondando la città pitagorica in seguto alla caduta di consistenti piogge, che già avevano colpito fortemente la provincia nella settimana precedente, e provocato piene e straripamenti di diversi corsi d’acqua.

Nella mattinata caddero sul bacino del piccolo fiume Esaro circa 120 mm di pioggia (nella settimana si erano così raggiunti complessivamente i 330 mm), che andarono così ad alimentare tutti i corsi d’acqua affluenti dell’Esaro provenienti dalla zona di Cutro. Nella località di “Stazione Isola Capo Rizzuto” si formò così una piena violenta dello stesso fiume, in seguito calcolata con una portata di oltre 1000 m3/s. La piena raggiunse verso le ore 12 il rione “Gabelluccia”, nella periferia occidentale di Crotone: una massa di acqua e fango sommerse i primi piani delle abitazioni dello stesso quartiere crotonese, estendendosi successivamente verso la zona industriale, dove interessò sia i fabbricati in riva sinistra, già allagati in precedenza per lo straripamento dell’affluente Papaniciaro, sia quelli in riva destra, presso il rione “Gesù”, dopo di che raggiunse anche il centro storico cittadino.

L’alluvione, come detto, provocò 6 vittime e danni assai ingenti: numerosi prefabbricati industriali furono spazzati via dall’acqua, e la zona commerciale e industriale della città risultò essere pesantemente devastata.

L’impetuosità delle acque distrusse quasi tutti i ponti ed in alcune zone del centro abitato raggiunse addirittura i quattro metri d’altezza.

Gli effetti dell’esondazione furono aggravati anche dall’abusivismo edilizio: i quartieri di Gabelluccia e Gesù, quest’ultimo costruito a ridosso dello stabilimento della Montecatini, erano stati edificati, negli anni ’80, nelle zone di espansione del fiume.

 Vennero colpite 358 imprese con danni per 126 miliardi di lire del 1996.

 



OGGI NEL TEMPO. L’alluvione di Crotone per non dimenticare le vittime e il rischio idrogeologico ultima modifica: 2016-10-14T11:43:23+00:00 da Redazione Yeslive
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
MOVIMENTI. Nasce a Reggio Calabria l'Osservatorio contro l'omofobia (VIDEO)
CRONACA. 'Ndrangheta In corso operazione dei carabinieri tra alto Jonio reggino,...
LIBRI. Il Cis presenta il romanzo “Là dove finisce il mare e comincia l’orizzont...
MARRELLI HOSPITAL. Reggio, il presidente della Provincia: "Curarsi a casa p...
AFORISMI FILOSOFICI. Gloria e venalità in Friedrich Nietzsche
TEATRO. Chiarimenti del Dipartimento Cultura e Turismo sulla proposta di legge
SPORT. Tempo d'esami per gli atleti del Centro studi karate del maestro Ursino
LUOGHI SACRI. Il santuario di San Francesco a Paola in provincia di Cosenza
OGGI NEL TEMPO. Luna Rossa batte America One e vince la Louis Vuitton Cup
STRETTAMENTE PERSONALE. Sanremo e le canzoni del cuore
ARTE. Reggio Calabria: rinvenute numerose opere trafugate (VIDEO)
OGGI NEL TEMPO. Incendio al cinema Statuto di Torino: muoiono 64 persone
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

direttore Emilia Condarelli
editore Cult3.0
registrazione Tribunale RC N°8/2013

Roberto Pronto Casa

MultiIce




All News