Condividi

de_raho-immagine004-768x576REGGIO CALABRIA – La Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Regio Calabria ha ottenuto dalla Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale un provvedimento di confisca preventiva di beni mobili ed immobili per un valore di circa 260.000 € riconducibili al patrimonio di Sgrò Francesco, di anni 50 da Reggio Calabria, e del suo nucleo familiare.

I Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione al provvedimento nei confronti dello Sgrò’, ritenuto appartenente alla ‘ndrangheta nella sua articolazione territoriale denominata “cosca Serraino”, operante in particolare nella zona di Cardeto e nel comune di Reggio Calabria, con il ruolo di pianifìcatore dell’attività illecita del sodalizio criminoso, specie nell’ambito dei furti e della ricettazione di autovetture, con compiti di intermediazione (nel ricevere le “ordinazioni” di automezzi o materiale vario successivamente venduti a terze persone), nonché di approvvigionamento di armi, munizioni e materiali esplodenti per conto della cosca. L’attività costituisce la prosecuzione dell’operazione convenzionalmente denominata “Epilogo”, nell’ambito della quale Sgrò viene indagato e successivamente condannato, con sentenza emessa dalla Corte di Appello di Reggio Calabria in data 29.5.2014, alla pena di anni 8 e mesi 8 di reclusione, per associazione di tipo mafioso e porto abusivo e detenzione di armi.

L’operazione “Epilogo” è stata condotta dai Carabinieri, a seguito dell’attentato alla Procura Generale di Reggio Calabria compiuto il 3 gennaio 2010, ed ha consentito di individuare una componente organica della cosca Serraino della “locale” di San Sperato (quartiere di Reggio Calabria) e del territorio di Cardeto (RC), di definirne gli indirizzi criminali e di far luce sugli episodi che destarono grande allarme sociale, quale appunto l’attentato alla Procura Generale e l’incendio dell’autovettura del giornalista Monteleone.

L’odierno provvedimento, scaturito dalle risultanze investigative patrimoniali del Reparto Operativo dei Carabinieri reggini, che hanno consentito di accertare illecite accumulazioni patrimoniali, riguarda beni consistenti in:

  • 1 abitazione ubicata in Reggio Calabria;
  • svariati rapporti bancari, titoli obbligazionari, polizze assicurative riconducibili ai destinatari del provvedimento.

 



‘NDRANGHETA. La Dda reggina confisca beni per 260 milioni di euro ad affiliato cosca Serraino ultima modifica: 2016-10-31T08:31:15+00:00 da Redazione Yeslive
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
EVENTI. Bergamotto: l'Accademia assegna i mandati agli Ambasciatori del prezioso...
CULTURA. Il premio San Girolamo a don Antonio Borrelli
COMUNI. Al via ai lavori sullo Statuto Metropolitano di Reggio Calabria
LEGALITA'. "Violenza sulle donne orrore assoluto. In piazza per riaffermare...
FORMAZIONE. Seminario sul software per controllo, manutenzione e ispezione degli...
CINEMA. “Racconto Calabrese” il film di Renato Pagliuso dal 27 ottobre al cinema
'NDRANGHETA. In corso operazione dei carabinieri tra Reggio Calabria, Roma e Com...
RISCHIO SISMICO. "Calabria ad alta pericolosità, piani e proposte dell'asse...
METROPOLITANA. Reggio, i consiglieri comunali Pd: "Sarà motore di economia ...
SHOPPING. Roberto pronto casa: qualità e cortesia al servizio del tuo risparmio ...
INFORMAZIONE. Diffamazione: 1 milione di euro al giornalista Mollo
AFORISMI FILOSOFICI. La bellezza in Francesco Petrarca
CULTURA. Palazzo San Giorgio: presentazione dell'iniziativa "Un mese del ge...
SANITA'. Crotone, il Comitato Marrelli Hospital ringrazia le istituzioni gli ami...
CRONACA. La Gdf di Lamezia Terme sequestra 80 mila articoli carnevaleschi
CRONACA. La Gdf di Crotone sequestra un cantiere all'interno del nuovo porto
CULTURA. L'associazione Biesse premia la giornalista Cecilia Primerano
LIBRI. "Racconto in Tre Tempi" di Rossella Scherl
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

 

 

 

 

 

 

direttore Emilia Condarelli
editore Cult3.0
registrazione Tribunale RC N°8/2013

MultiIce

All News