Translate
ArabicEnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish




DAY BY DAY
febbraio: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728  
Cosmoplant




tamburello calabrese

Il tamburello è lo strumento tipico della folkloristica tarantella calabrese. Si tratta di uno strumento a percussione della categoria dei membranofoni.
Si conservano antichissime testimonianze del suo utilizzo. Infatti, nelle sale del Museo nazionale della Magna Grecia a Reggio Calabria, il tamburello (tympanon) é raffigurato su un oinochoe (vaso simile ad una brocca ndr) del VI sec. a.C.; con il bordo in lamine metalliche.
tamburello calabreseInsomma, stando a questa testimonianza, in Calabria, già dal VI secolo a.C. il tamburello era già noto quale strumento musicale.
In realtà era utilizzato da diverse antiche civiltà: Sumeri, Ittiti, Egiziani, Ebrei. Soltanto in un periodo successivo l’uso di questo particolare strumento a percussione passò dall’Asia alla Grecia, dove assunse la definitiva forma rotonda.
Fu con le invasioni arabe in Italia meridionale e Spagna che il tamburello si diffuse in tutt’Europa. Isidoro di Siviglia racconta di uno strumento molto simile, chiamato “Margaretum”, che veniva suonato con una bacchetta.

Nel XIII secolo in Europa vi è traccia di un tamburo a cornice con sonaglia, detto “Tymbre”, “rotumbes”, o “timbre”. In età medievale la sua forma era già quella attuale, ma i sonagli erano molto più larghi e pesanti.
Era uno strumento ritenuto rozzo, usato dalla “peggior risma di artisti”: menestrelli, attori e giocolieri.

E fu proprio grazie a loro che, intorno al 1550-1560, divenne molto famoso in Italia, Spagna e Francia del Sud, tanto da assumere nel 1564 il nome di “Tamburo Basco”.
Tra il tardo Rinascimento e il Barocco, sopravvisse solo come strumento popolare in Spagna e Italia. Fu la Francia ad inserirlo nella sezione delle percussioni nel XVIII secolo poco prima della rivoluzione.

L’uso del tamburello attualmente è molto diffuso, oltre che nelle regioni del Sud Italia, in Turkestan, Iran, Turchia, Serbia, Albania, Siria e Marocco, dove costituisce uno strumento indispensabile per le danze sacre.

A seconda del Paese si differenzia per la presenza di sonagli, anelli o piattini.



FOLKLORE. La storia del tamburello ultima modifica: 2015-09-03T09:23:38+00:00 da Redazione Yeslive
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
REGGIO CALABRIA. Cannizzaro: "Il Prefetto ha indicato la strada. Non colpev...
PROGETTO LOCRIDE. Incontro in prefettura a Reggio Calabria con i sindaci. Pubbli...
FILOSOFIA. "Per una fenomenologia dell’imbecillità: Maurizio Ferraris"
STRETTAMENTE PERSONALE. La tradizionale commemorazione dei defunti (VIDEO)
CALABRIA. “Progetto fitti zero”, il vicepresidente Viscomi: "Dai fitti ai f...
STRETTAMENTE PERSONALE. Riflettori sullo scalo aeroportuale Tito Minniti di Regg...
SALUTE. Mauro Merli al Centro studi Alkmeon di Crotone: eccellenza in implantolo...
ANTIVIOLENZA. “Questo non è amore ”. La Polizia di Stato in prima linea contro l...
COMUNE. Il sindaco Giuseppe Falcomatà, annuncia le prime opere del Patto per Reg...
AFORISMI FILOSOFICI. Seneca e la privacy
STRETTAMENTE PERSONALE. Le parole della gente per non dimenticare la tragedia de...
SHOAH. Grande interesse per la mostra sulla presenza ebraica in Calabria al Muse...
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

direttore Emilia Condarelli
editore Cult3.0
registrazione Tribunale RC N°8/2013

Roberto Pronto Casa

MultiIce




All News