Condividi

ROSARNO – I carabinieri della Tenenza di Rosarno, diretti dal comandante della Compagnia di Gioia Tauro, hanno svolto ieri un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione della criminalità diffusa e dei reati predatori in genere, effettuando numerosi controlli e perquisizioni nelle aree della città ritenute maggiormente sensibili.

Nel corso del servizio, i militari hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, i coniugi Scandinaro Giuseppe e Piromalli Santina, rispettivamente di 55 e 50 anni, resisi responsabili del reato di furto aggravato di energia elettrica perché mediante un magnete apposto sul contatore alteravano completamente il consumo di energia al fine di alimentare la propria abitazione.

Nella medesima giornata i carabinieri del Comando Arma di Rosarno hanno arrestato, in flagranza di reato, un pregiudicato del luogo, Delisi Aniello di anni 48, noto alle forze di polizia, perché sorpreso nei pressi della stazione ferroviaria mentre, avvalendosi di un kit di chiavi esagonali, tentava di asportare una barra metallica dal portapacchi di un’auto parcheggiata sulla pubblica via.

SONY DSC

Nello specifico i militari, impegnati in un mirato servizio di polizia giudiziaria finalizzato alla repressione del dilagante fenomeno dei furti su auto, reato che nell’ultimo periodo ha avuto un’escalation particolare, hanno notato il malvivente mentre, con fare sospetto, si avvicinava ad un’autovettura ivi parcheggiata dalla quale cercava di asportare del metallo, molto probabilmente al fine di rivenderlo.

Ma i Carabinieri, comprese le intenzioni criminali del soggetto, peraltro già noto perché gravato da precedenti di polizia specifici, lo hanno subito bloccato ed ammanettato.

L’arrestato in un primo momento ha cercato di darsi alla fuga spintonando e minacciando i militari operanti, ma è stato subito posto in sicurezza e deferito all’autorità giudiziaria competente anche per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Sempre nella giornata di ieri la Tenenza di Rosarno ha tratto in arresto, in ottemperanza all’ordine di esecuzione per espiazione pena detentiva in regime di detenzione domiciliare emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Palmi, D.R., di anni 49, il quale dovrà scontare la pena residua di mesi 8 per il reato di evasione commesso a Rosarno nell’anno 2015.

Tutti gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati tradotti presso le proprie abitazioni, in regime di arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo a disposizione dell’autorità giudiziaria di Palmi.



CRONACA. Servizi straordinari dei carabinieri, 4 arresti a Rosarno (VIDEO) ultima modifica: 2017-03-01T09:44:35+00:00 da Redazione Yeslive
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
CITTA' METROPOLITANA. Il Pci critica la scelta del vicesindaco metropolitano di ...
COMUNI. Cirò (KR), convocato Consiglio straordinario
CRONACA. Un arresto dei carabinieri a Molochio
'NDRANGHETA. Cafiero De Raho, Reggio Calabria profondamente controllata
LAVORO. Bando Ente Bilaterale del Terziario di Cosenza. Contributi a sostegno d...
ENOGASTRONOMIA. Vino e olio calabresi aprono la settimana di lingua italiana a D...
OPERAZIONE CONFINE 2. L'inchiesta avviata dopo l'omicidio Ruga e la distruzione ...
FILOSOFIA. "Per una fenomenologia dell’imbecillità: Maurizio Ferraris"
'NDRANGHETA. La Dda reggina confisca beni per 260 milioni di euro ad affiliato c...
SANITA'. Le parole di Oliverio all'inaugurazione della cardiochirurgia degli Osp...
FILOSOFIA. Fare "filosofia" di Gianfranco Cordì
STRETTAMENTE PERSONALE. Natale goloso con il soffice panettone e il torrone arti...
PIANO CASA. La Regione Calabria incentiva l’adeguamento sismico e la sostenibili...
ECONOMIA. Calabria, il presidente del Consiglio regionale incontra il neo presid...
OGGI NEL TEMPO. I Queen pubblicano l'album "Innuendo"
DESIGN E COMODITA’. L’acqua hi-tech per uffici e attività commerciali (VIDEO)
FAKE NEWS. Studenti protagonisti all'Istituto Alvaro Gebbione di Reggio Calabria...
ARTE. Anche i disegni di Guttuso nella pinacoteca di palazzo Mastromarchi a Sara...
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

 

 

 

 

 

 

direttore Emilia Condarelli
editore Cult3.0
registrazione Tribunale RC N°8/2013

MultiIce

All News