Translate
ArabicEnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish




DAY BY DAY
aprile: 2017
L M M G V S D
« Mar    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Cosmoplant




Condividi

bevilacqua-mario-nato-a-taurianova-il-13-12-1972GIOIA TAURO. Nelle provincie e di Reggio Calabria, Milano, Pavia e Cremona e presso le Case Circondariali di Vibo Valentia, Nuoro, Spoleto, Tolmezzo, Cagliari, Melfi e Frosinone, i Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Gioia Tauro, collaborati in fase esecutiva dai militari dei Comandi Provinciali territorialmente competenti, hanno dato esecuzione ad un’Ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Tribunale di Reggio Calabria – Sezione G.I.P. – G.U.P. su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia Reggina, nei confronti di 42 indagati (di cui 33 in carcere, 7 agli arresti domiciliari, 2 al divieto di dimora nel Comune di Laureana di Borrello), ritenuti appartenenti al sodalizio ‘ndranghetista nella sua articolazione territoriale denominata Locale di Laureana di Borrello – formata dalle famiglie Ferrentino-ChindamoeLamari operante nel comune di Laureana di Borrello e comuni limitrofi con ramificazioni in tutta la provincia reggina ed in altre province. L’Ufficio G.I.P., accogliendo in toto le risultanze investigative raccolte dalla Procura della Repubblica – DDA di Reggio Calabria, ha ritenuto sussistenti i gravi indizi di colpevolezza e le esigenze cautelari espresse in sede di richiesta per i delitti di associazione per delinquere di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, porto e detenzione di armi da guerra e comuni da sparo, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope, estorsione, danneggiamenti, lesioni personali gravi, frode sportiva, intestazione fittizia di beni, incendio, con l’aggravante, per taluni, di aver agito con metodo mafioso.

cordiani-celeste-nata-a-messina-il-08-02-1985Gli arresti giungono all’esito di una complessa attività istruttoria sviluppata all’indomani dei provvedimenti di fermo di indiziato di delitto emessi dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria nell’ambito dell’ Operazione “Lex” del 3 novembre u.s., con la quale si era giunti alla cattura di ben 40 soggetti (uno ancora irreperibile perché all’estero) ritenuti organici, o comunque vicini, alle cosche di ‘ndrangheta attive nel territorio di Laureana di Borrello ed altre città italiane, ossia quelle dei “LAMARI” e “CHINDAMO-FERRENTINO”.

In custodia cautelare in carcere:

Ferrentino Alessandro, classe ’73 col ruolo di capo;

Ferrentino Marco, classe ’80 , col ruolo “reggente”;

Chindamo Alberto, classe ’88, col ruolo di capo;

Bielova Anna, classe ’89, compagna  del reggente durante la sua permanenza in Voghera;

Ferrentino Alessio, alias “u stuccaru”, classe ‘78, partecipe alla cosca Chindamo-Ferrentino;

Ferrentino Francesco alias “u zassu”, classe ‘90, partecipe alla cosca Chindamo-Ferrentino;

ferrentino-alessandroDi Masi Giuseppe, classe ‘88, partecipe alla cosca Chindamo-Ferrentino;

Pititto Giuseppe, classe ’75, partecipe alla cosca Chindamo-Ferrentino, rappresenta il “volto imprenditoriale”;

Signorello Josè, classe ’87, anch’egli organico alla famiglia di ‘ndrangheta (allo stato irreperibile).

Sibio Giovanni, classe ’89, membro effettivo della cosca Chindamo-Ferrentino;

Monea Salvatore, classe ’74, con la carica di “picciotto di giornata”;

Lamanna Antonello, classe ’75, intestatario fittizio delle attività commerciali della ‘ndrina;

Piromalle Vincenzo, classe ’69, partecipe alla cosca Chindamo-Ferrentino imperante in Laureana di Borrello e zone limitrofe;

Bevilacqua Mario, classe ’72, organicamente inserito nella cosca Chindamo-Ferrentino;

Aschei Fabio, classe ’61, con compiti operativi nel settore degli stupefacenti;

Di Masi Pasquale, classe ’86, quale partecipe alla cosca Chindamo-Ferrentino con compiti operativi;

Mezzasalma Fabio, classe ’63, operante, in area Milanese, principalmente nel settore degli stupefacenti;

Marafioti Albino, classe ’85, sodale dei Ferrentino con compiti operativi nel settore degli stupefacenti;

Freitas De Siqueira Diego, classe ’86, quale partecipe alla cosca Chindamo-Ferrentino, manteneva i contatti dalla Lombardia;

Comi William, quale partecipe alla Cosca Ferrentino con compiti operativi nel settore della vendita di sostanze stupefacenti.

lamari-roccoLamari Rocco, classe ’65, perché, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di prevenzione patrimoniale.

Lamari Vincenzo alias Enzo, classe ’68, con la dote di “santista”;

Lamari Angelo, classe ’67, nel ruolo di capo, promotore ed organizzatore della associazione, con compiti di decisione e gestione;

Mastroianni Fabio, classe ’87, partecipe alla cosca Lamari e deputato a curare gli interessi economici del suocero Lamari Angelo;

Lamanna Francesco, classe ’86, soggetto inizialmente vicino ai Chindamo Ferrentino, è poi passato con la cosca Lamari;

Lamari Mattia, classe ’97, figlio di Angelo, deputato a curare gli interessi economici del padre;

Napoli Claudio, classe ’76, ritenuto “volto imprenditoriale” della cosca Lamari quale intestatario fittizio;

Prossomariti Andrea, classe ’73, anch’egli altro “volto imprenditoriale” della cosca nel ruol di intestatario fittizio;

Lainà Vincenzo, classe ’63, perché pur non facendo parte dell’associazione criminale, forniva un concreto, specifico, consapevole e volontario contributo alla cosca Chindamo-Ferrentino, come referente politico del sodalizio;

Papandrea Natale, classe ’91, con la finalità di agevolare la cosca di appartenenza e con metodo mafioso;

Pettè Pasquale, classe ’67, compiva atti ritorsivi;

Ciancio Francesco Antonio, classe ’95, con la finalità di agevolare la cosca di appartenenza e con metodo mafioso;

Oppedisano Maurizio, classe ’81, deteneva e portava in luogo pubblico, un’arma comune da sparo al fine di commettere il reato;

Posti agli arresti domiciliari:

Di Giglio Antonio alias “u liraru”, classe ‘75, organico alla cosca Chindamo;

Pettè Tiziana, classe ’81, moglie del “reggente” Ferrentino Marco, organicamente inserita all’interno della ‘ndrina Chindamo- Ferrentino;

Panigo Maria, classe ’59, inserita nella cosca Chindamo-Ferrentino, con compiti operativi;

Chindamo Domenico, classe ’70, inserito nella cosca Chindamo-Ferrentino;

Due i provvedimenti di divieto di dimora nel comune di Laureana di Borrello

Mandaglio Andrea, classe ’95, reato di cui all’art 2 e 7 della legge 895/1967 ed art 7 della legge 203/1991  deteneva un’arma da fuoco.

Mandaglio Giovanni, classe ’93, soggetto vicino alla cosca Lamari ;



CRONACA. Operazione “Lex”: numerosi arresti dei Carabinieri nella piana di Gioia Tauro ultima modifica: 2016-11-26T17:14:06+00:00 da Redazione Yeslive
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
ENOGASTRONOMIA. Terra Madre Salone del Gusto. Oliverio. "Un bilancio positi...
EVENTI. Fede e sport, Giusy Versace balla davanti al Papa
CULTURA. Tropea festival Leggere e Scrivere (Fotogallery 5)
CRONACA. Sequestro di persona: la Polizia arresta un gambiano e denuncia 4 minor...
DIRITTI. Oggi a Reggio Calabria si celebra la prima unione civile tra due donne
LEGALITA': Il presidente del Consiglio regionale calabrese sulla manifestazione ...
LEGALITA'. Anpi Reggio Calabria: "Manifestazione, ma non solo…"
LEGALITA'. La Calabria dice no alla violenza sulle donne: il reportage di Strett...
DISSERVIZI IDRICI. Domani nel Centro storico di Reggio a partire dalle ore 15
LIBRI. Il Cis presenta il romanzo “Là dove finisce il mare e comincia l’orizzont...
REFERENDUM. Palazzo del Governo: riunione dal prefetto, Michele Bari, riguardant...
ANTIVIOLENZA. Il governatore Oliverio al tribunale di Castrovillari per l'inaugu...
REGGIO CALABRIA. La prefettura comunica il calendario per le limitazioni alla ci...
CRONACA. Controlli e perquisizioni dei Carabinieri Gruppo Locri: 3 arresti
TEATRO. Chiarimenti del Dipartimento Cultura e Turismo sulla proposta di legge
CRONACA. A Melito Porto Salvo i carabinieri scoprono munizionamento
ECONOMIA. La Calabria alla fiera internazionale dell'olio di Trieste
CULTURA. 71 anni fa le donne conquistavano il diritto al voto. All'Archivio di S...
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

 

 

 

 

 

 

direttore Emilia Condarelli
editore Cult3.0
registrazione Tribunale RC N°8/2013

Roberto Pronto Casa

MultiIce




All News