Condividi

Reggio Calabria – Un bosco di castagno distrutto, la costruzione di una grossa pista e lo sbancamento di terra e roccia per un volume di circa 3000 metri cubi, profondo in alcuni tratti più di due metri con la conseguente estirpazione di numerose ceppaie.

Il tutto in una pregevole area sottoposta a vincolo idrogeologico e paesaggistico ambientale.

Questo è lo scenario che si è presentato alla vista dei Carabinieri forestali della stazione di Reggio Calabria in località San Bruno, in agro della città capoluogo, durante una normale attività di controllo del territorio.

Le indagini avviate dai militari dell’Arma hanno permesso di risalire al proprietario dell’area boschiva, L.G. classe 1976, residente a Reggio Calabria, e di ricostruire l’iter amministrativo dei lavori, solo in apparenza provvisti di autorizzazione concessa dalla regione Calabria.

Dall’analisi documentale è risultato infatti che il proprietario aveva presentato un progetto, approvato dagli uffici regionali competenti in materia di vincolo idrogeologico, limitatamente alla realizzazione di una fascia tagliafuoco lunga circa 1100 metri lungo il perimetro del lotto boschivo di proprietà.

L’autorizzazione prevedeva però solo il taglio della vegetazione su una fascia ben delimitata di territorio, senza alcun movimento di terra nè, tantomeno, lo sbancamento per l’apertura di nuove piste di esbosco, opere queste le cui autorizzazioni, concesse peraltro solo in caso di concreta necessità, che richiedono un iter progettuale ed amministrativo più complesso.

Al fine di evitare l’ulteriore prosecuzione dello scempio ambientale, l’area dello sbancamento è stata posta sotto sequestro penale, già convalidato dall’autorità giudiziaria, mentre L.B., che è stato deferito in stato di libertà, dovrà rispondere di abuso edilizio e di violazione delle normative in materia di vincolo idrogeologico ed ambientale.

Per prevenire e reprimere i continui danni al territorio ed alla erosione dei beni ambientali, perpetrati spesso con lavori surrettiziamente giustificati da iter autorizzativi, il Gruppo carabinieri forestale di Reggio Calabria ha predisposto l’intensificazione dei controlli su tutto il territorio provinciale, confidando anche nella collaborazione dei cittadini che possono concretamente diventare sentinelle del territorio segnalando al 1515, numero di emergenza ambientale, ogni potenziale abuso.



CRONACA. Estirpato bosco di castagno e sbancati 3.000 metri cubi di terra, una persona denunciata dai Carabinieri forestale ultima modifica: 2017-03-16T15:05:28+00:00 da Redazione Yeslive
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
ARTE. Rizomata: inaugurata la mostra Kreszenzia Gehrer, curata da Eduardo Grillo
AMBIENTE. Partiti da Roghudi e Santo Stefano gli eco-laboratori "Creativame...
CRONACA. Piantagione di canapa indiana: arresti a Bagnara Calabra
AMBIENTE. Entomofauna del Parco nazionale d'Aspromonte
REGGIO CALABRIA. Cannizzaro: "Il Prefetto ha indicato la strada. Non colpev...
CRONACA. Ricettazione ed evasione: un arresto per espiazione pena a Reggio Calab...
LEGALITA'. La Calabria dice no alla violenza sulle donne: il reportage di Strett...
EVENTI. Al MaRC "Musica al Museo dall'Ottocento al Novecento"
COMUNI. Reggio Calabria, approvato il regolamento per il Consiglio dei ragazzi
DETERGENTE VISO. Asiol peel al latte d'asina e bava di lumaca: delicata esfoliaz...
CINEMA. La città del Codex prossimamente location per il set di un film di Miche...
OGGI NEL TEMPO. Viene arrestato per la seconda volta Renato Curcio
CULTURA. Le Muse presentano "Preziosi e Preziosità": l'arte del corall...
CONCORSI. Ritorna Miss Angeli Bianchi con l'edizione 2017
AFORISMI FILOSOFICI. Il gusto della felicità per François de La Rochefoucauld
IMMIGRAZIOME. San Ferdinando: la prefettura continua a coordinare gli interventi...
LIBRI. "Racconto in Tre Tempi" di Rossella Scherl
STRETTAMENTE PERSONALE. Al Miramare di Reggio, continua a seguire l'esposizione ...
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

 

 

 

 

 

 

direttore Emilia Condarelli
editore Cult3.0
registrazione Tribunale RC N°8/2013

MultiIce

All News