Condividi

REGGIO CALABRIA – L’Ente parco nazionale dell’Aspromonte e Federparchi–Europarc Italia hanno presentato, presso l’aula seminari del Dipartimento di agraria dell’Università mediterranea di Reggio Calabria, i primi risultati sullo stato di conservazione dell’Aquila reale e del Gufo reale nel territorio del parco.

L’attività di studio e monitoraggio dei due super predatori è stata cofinanziata da Iccrea Banca, realtà creditizia che supporta da anni iniziative di tutela e conservazione della biodiversità dell’Aspromonte.

Il direttore del Dipartimento di agraria, Giuseppe Zimbalatti, ha evidenziato l’ormai consolidata sinergia istituzionale, che su più fronti ha generato momenti qualificanti sia per il dipartimento, sia per il parco.

Virna Fasone, docente di etologia e gestione della fauna, dal canto suo, ha invece ricordato le attività che congiuntamente le due istituzioni stanno conducendo anche con il coinvolgimento di studenti e laureandi.

I lavori sono stati introdotti dal responsabile dell’Ufficio biodiversità dell’ente, Antonino Siclari, che ha posto l’accento sull’importanza ecologica delle specie faunistiche di particolare rilievo conservazionistico a livello nazionale e continentale.

Il direttore dell’Epna Sergio Tralongo ha sottolineato come i dati sulle popolazioni dei superpredatori, come Aquila reale e Gufo reale, siano importanti ai fini di una corretta lettura della qualità di un territorio, in quanto specie che, collocandosi ai livelli più alti delle catene alimentari, rappresentano preziosi testimoni della buona qualità degli ecosistemi.

Sullo status e sull’ecologia dei due rapaci hanno relazionato gli esperti naturalisti Giuseppe Martino e Eugenio Muscianese che sono stati impegnati nell’attività di osservazione e di monitoraggio delle due specie nel loro habitat.

I risultati illustrati hanno evidenziato il buon stato di salute delle popolazioni di Aquila reale e Gufo reale censite in Aspromonte; lo studio, peraltro, ha rivelato come la presenza delle due specie, in termini di densità, esprima valori tra i più alti dell’intero Appennino.

La rilevanza e le inaspettate risultanze delle indagini stimolano l’Ente Parco a proseguire nelle attività di ricerca e di studio.

Il progetto, come detto, è stato cofinanziato da ICCREA Banca, la cui sinergia con Federparchi- Europarc Italia ha garantito la possibilità di dare continuità alle azioni di conoscenza, salvaguardia e tutela della Biodiversità italiana, “valore che non può essere disperso”, secondo quanto ha affermato Nicola Paldino, in rappresentanza della Federazione Calabrese delle Banche di Credito Cooperativo (BCC).

“La sinergia con ICCREA Banca – ha illustrato il Presidente di Federparchi-Europarc Italia, Giampiero Sammuri – ci consente, da alcuni anni, di portare avanti progetti fondamentali per la tutela della biodiversità e per il sostegno alle iniziative di sensibilizzazione e di educazione ambientale”.

Relativamente alle attività di monitoraggio presentate, Sammuri ha evidenziato come “l’Aspromonte sia il sito più a Sud dove sia stata accertata la presenza del Gufo reale; tale dato risulta pertanto fondamentale per la sua rilevanza nazionale”.

Giuseppe Bombino, ha voluto sottolineare “lo sforzo complessivo della struttura dell’Ente, impegnata quotidianamente con un lavoro di altissimo spessore tecnico e professionale”.

“La tutela e la salvaguardia di questo prezioso mondo è l’obiettivo primario per l’Ente Parco Nazionale d’Aspromonte, – ha continuato Bombino – che intende divulgare ed estendere, anche attraverso queste iniziative, la conoscenza della complessità e delle peculiarità delle specie animali che popolano l’Area Protetta”.

“Conoscenza e divulgazione, quindi, per preservare la fauna e proteggere gli ecosistemi che ne garantiscono la vita. È finita la stagione dei conflitti, dei bottini e delle prede, delle lotte di affermazione territoriale, è questo il tempo della conoscenza e del rispetto, di una convivenza – ha concluso il presidente del Parco nazionale d’Aspromonte – che deve mutuarsi e sublimarsi nella contemplazione di quell’istante più vicino a noi, a ciò che abbiamo e siamo. Questa è la natura, questo è il nostro Parco”.



ASPROMONTE. Parco nazionale d’Aspromonte: livello di presenze di Aquila reale e Gufo reale tra i più alti dell’Appennino ultima modifica: 2017-03-09T11:59:06+00:00 da Redazione Yeslive
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
LIBRI. Maria Josè e Lady Diana
TV. La Rugby Reggio Calabria e l'emittente Rtv Canale 14 insieme per la stagione...
VIGILI DEL FUOCO. Gimigliano, addestramento del nucleo speleo alpino fluviale
TEATRO. Festival Miti Contemporanei V edizione: giovedì 3 novembre a Reggio Cala...
SANITA'. Tripodi (Pci) su inaugurazione nuovi reparti Riuniti: "Grande e st...
STRETTAMENTE PERSONALE. Focus sulla Sanità calabrese dopo la visita del ministro...
SANITA'. Anche i medici del Marrelli Hospital scrivono ai commisari Scura ed Urb...
COMUNE. La commissione Politiche Sociali e del Lavoro del comune di Reggio Calab...
TRASPORTI. Giovedì diciannove incontro al Ministero delle Infrastrutture sul sis...
AFORISMO FILOSOFICI. La follia nell'idea di Jacques Lacan
STRETTAMENTE PERSONALE. Le parole della gente per non dimenticare la tragedia de...
OPERAZIONE OPIUM. Arrestati 12 narcotrafficanti e sequestrati 32 chili di eroina...
REGIONE. Incontro informativo alla Cittadella regionale sulle opportunità del Ba...
ENTE PARCO. Evolve il progetto "Bici per il Parco": soddisfatto il pre...
CRONACA. Tragico scontro tra due automobili: un morto e sei feriti
TV. Strettamente personale al carnevale di Reggio Calabria: la II puntata (VIDEO...
PATRIMONIO CULTURALE. Inaugurato il Museo archeologico comunale di Calanna (RC)
CRONACA. Incendio a bordo di un catamaro Liberty Lines: intervento dei vigili de...
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

 

 

 

 

 

 

direttore Emilia Condarelli
editore Cult3.0
registrazione Tribunale RC N°8/2013

MultiIce

All News