Condividi

piazza_garibaldidi GIANFRANCO CORDI’

REGGIO CALABRIA – «Dalla parte di sopra è stata operata una ricostruzione completa» afferma Mario Paturzo, studioso di archeologia, con riferimento al ritrovamento avvenuto in questi giorni in Piazza Garibaldi. Paturzo continua: «Potrebbe trattarsi di una fornace.

Si è dovuto ricostruire perché il tetto della fornace, col calore, piano piano, è franato». La tesi di Paturzo arriva dopo molti tentativi di decifrazione, da parte di archeologi e studiosi del settore, che si sono avvicendati durante tutti questi giorni nei quali si è registrato un interesse crescente anche della popolazione nei riguardi dell’importante ritrovamento avvenuto nella nostra città. Per Daniele Castrizio, docente di Numismatica presso l’Università di Messina, si potrebbe trattare di una tomba dell’antica Reghion.

Francesco Frank Polimeno, appassionato di archeologia, ha affermato che la zona interessata dagli scavi (e quindi dal ritrovamento) si trova effettivamente fuori dalle Mura Greche ma non è lontana dall’antico porto di Reggio. E i romani erano soliti segnare con dei confini le zone contigue ai loro porti.

L’ipotesi di Paturzo arriva dunque in questa temperie di tentativi di decifrazione e di ardite speculazioni che riguardano lo spazio geografico della città e il tempo storico di insediamento delle varie civiltà.

Paturzo continua ancora: «Sul laterale si possono benissimo vedere dei fori della grandezza di 3-4 centimetri. E questi fori non possono appartenere a una tomba: essi servivano invece per fare entrare e uscire l’aria calda della fornace». Paturzo ha proposto anche l’ingresso all’interno della fornace per scoprire effettivamente quello che è contenuto dentro di essa. Si dovrebbe controllare anche via San Francesco da Paola che potrebbe essere il luogo nel quale si impastava la terracotta. Se nelle vicinanze a via San Francesco da Paola si trovasse dell’argilla l’ipotesi della fornace potrebbe essere suffragata senza tema di poter essere smentita.

«La datazione che io propongo» – continua infine Paturzo- «potrebbe esser quella del I° o del II° secolo dopo Cristo con una maggiore probabilità che riguarda il II° secolo». Si tratta dunque di una fornace a giudizio di Paturzo, una fornace ascrivibile all’interno della civiltà greca. «Se nelle vicinanze c’è differenza di sabbia e argilla sicuramente siamo in presenza di una fornace» è il pensiero finale di Paturzo che, a questo punto delle speculazioni e delle teorie intorno agli scavi di Piazza Garibaldi, ha apportato il proprio contributo alla discriminazione dell’identificazione del ritrovamento di Piazza Garibaldi.



ARCHEOLOGIA. L’ipotesi dello studioso Mario Paturzo sul ritrovamento di Piazza Garibaldi ultima modifica: 2016-10-18T12:28:37+00:00 da Redazione Yeslive
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
CRONACA. Arrestato il super latitante Antonio Pelle
CULTURA. Il premio Giovanni Ronchi allo scrittore Giuseppe Notaro
TERREMOTO. Calabria trema la terra: ore 18.14 si registra un sisma di magnitudo ...
CRONACA. Operazione "Lex": numerosi arresti dei Carabinieri nella pian...
BELLEZZA E BENESSERE. Aiòn: la crema viso rivitalizzante, anti-age e protettiva ...
OGGI NEL TEMPO. Si chiude l'accesso alla torre di Pisa per iniziare i lavori di ...
REGIONE. La Giunta regionale ha approvato il Piano della rete scolastica
CARABINIERI. Commemorazione del XXIII anniversario dell'eccidio degli appuntati ...
REGIONE. Giornata informativa organizzata dall'Assessore alle Infrastrutture Mus...
ASPROMONTE. Il presidente Bombino ringrazia l’Arma per l’azione di contrasto all...
CRONACA. Arrestati dai carabinieri, zio e nipote, per detenzione illegale di arm...
EVENTI. Museo Archeologico di Rosarno, aperto il 25 aprile dalle 14 alle 20
COREUTICA. L'artista Filippo Stabile ospite del Centro Studio Danza di Gabriella...
CALABRIA. "I commissariamenti dei Comuni uno sfregio sferrato dalla ndrangh...
AGGRESSIONE DON COSTANTINO. I carabinieri arrestano un giovane per tentato omici...
CULTURA. Presentata a Gioia Tauro la II tappa degli Itinerari eco-filosofici del...
REGGIO CALABRIA. Ucciso un tabaccaio a Catona. Indaga la Polizia di Stato
UNIVERSITA'. Agraria UniRC: "Imboscati per studiare" nel Parco Naziona...
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

 

 

 

 

 

 

direttore Emilia Condarelli
editore Cult3.0
registrazione Tribunale RC N°8/2013

MultiIce

All News